– 10: il parto si avvicina…

Dieci giorni… Ipotetici certo, ma avere un riferimento, per quanto labile, mi aiuta a controllare l’ansia. Aggiungere una crocetta ogni mattina sul calendario mi rende in qualche strano modo partecipe attiva. E’ comunque decisamente singolare attendere con così tanta impazienza qualcosa che ti recherà il dolore più forte mai provato in vita. Ovvio, in realtà l’attesa è per il momento in cui conosceremo la nostra ranocchietta, ma arrivati a questo punto, almeno per me, c’è anche la voglia di mettersi alla prova, verificare se riuscirò a sostenere le contrazioni, se riuscirò a farmi forza e sopportare.

vignetta_gravidanza_countdown
www.healthline.com

Se nei mesi scorsi il parto era un’entità lontanissima, giorno dopo giorno le crocette lo hanno reso più vicino. E se dapprima ero spaventata a morte da quel cerchio rosso, adesso lo sto aspettando ottimisticamente. Non perché io stia male e non veda l’ora di tornare alla normalità, come purtroppo capita a tante donne. Questa gravidanza infatti è scivolata via piuttosto liscia. Se non fosse stato per la maledetta disidrosi che mi ha inibito il sonno per oltre una settimana, e che per fortuna se ne è quasi andata, sarei stata bene anche nel nono mese, il più pesante fisicamente. Sì, la pancia ora mi rallenta moltissimo nei movimenti, ma non è niente di inaffrontabile. Sì, ho avuto anche io diversi disturbi nei vari trimestri, qualche nausea, la pressione bassa, ma nemmeno quelli così inaffrontabili. Spero che questa regolarità si manterrà anche in sala parto, se così non fosse dovrebbe esserci l’arma segreta, da sfoderare in caso di emergenza, la santa epidurale. Dico dovrebbe, perché il colloquio con gli anestesisti è fissato per domani e ancora non so se potrò usufruirne.

Lo sto aspettando ottimisticamente proprio perché voglio credere di potercela fare. Inizialmente nove mesi mi sembravano un tempo infinito, ora ho capito che servono tutti, per dare modo alla nostra psiche di prepararsi. E adesso che il tempo è agli sgoccioli sono serena e pronta. Un po’ di paura c’è ancora, sarebbe ipocrita scrivere il contrario, ma è quella paura buona, quella che ti fa fare lo sprint pre esami, che ti tiene vigile, che ti aiuta a non mollare.

Io mi impegnerò a non mollare ranocchietta, tu però dovrai aiutarmi e continuare ad essere brava come lo sei stata finora!

Articolo creato 75

2 commenti su “– 10: il parto si avvicina…

  1. Ciao! Sono capitata per caso in questo blog mentre cercavo informazioni sul web, e, man mano che andavo avanti a leggere, ho iniziato a sentire che c’era qualcosa di familiare. Poi ho capito! Siamo compagne di corso 🙂 complimenti x il blog, avrei voluto iniziare a seguirlo prima!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: